A PARMA IL 360 FESTIVAL DELLA CREATIVITA’ CONTEMPORANEA DAL 1 APRILE AL 14 MAGGIO 2017

PARMA360Torna nella città di Parma la seconda edizione di Parma 360 Festival della creatività contemporanea: uno sguardo a 360° sul sistema della creatività contemporanea italiana e un focus sulla creatività emergente.

Dal 1 aprile al 14 maggio 2017, in diversi spazi istituzionali e privati della città di Parma, è in arrivo un programma ricco di mostre, installazioni ed eventi di fotografia, pittura, illustrazione, grafica e musica: ovvero l’arte come motore di crescita e trasformazione sociale.

L’iniziativa è organizzata dalle associazioni 360° Creativity Events, Art Company, Kontainer, con il contributo del Comune di Parma, la direzione artistica di Camilla Mineo e Chiara Canali e un’ampia rete di partner pubblici e privati.

L’anima multidisciplinare del Festival Parma 360, basata sul doppio concetto di recuperare la naturale vocazione culturale e artistica di Parma, facendole vivere in modo nuovo e sinergico gli spazi espositivi, e la valorizzazione della comunità creativa sul territorio, sono sempre il motore della manifestazione. che ha permesso di poter rilanciare e promuovere la cultura artistica e di formazione della città.

Per la seconda edizione del Festival abbiamo colto alcuni aspetti importanti, creando nuove iniziative con le Associazioni, i Centri di Ricerca, gli Enti, al fine di coinvolgere in maniera sempre più attiva tutta la cittadinanza, avvicinandola in modo sinergico e vitale all’arte contemporanea.

Eventistazione-creativa- Studio Azzurro

Tra i progetti che compongono la seconda edizione del festival, la stazione creativa di Studio Azzurro ha visto esponenti del gruppo artistico e collaboratori, unitamente ad artisti di differenti discipline, studiosi e ricercatori vicini per esperienza culturale o professionale alle tematiche portate avanti da Paolo Rosa uno dei fondatori di Studio Azzurro, da vita a nuove forme di progettazione artistica e sperimentale condivisa. L’obiettivo è connettere in modo profondo, permanente e strutturale il territorio con i tre campi della formazione, della ricerca e della produzione creativa, con l’ausilio dei nuovi media, opportunamente orientati all’evoluzione cognitiva, etica ed espressiva.

Con la collaborazione e presenza attiva di artisti, docenti, studenti e cittadini ai quali è principalmente rivolta questa esperienza, saranno affrontate e messe in evidenza problematiche legate alla riflessione sul rapporto Arte-Società-Politica.

Palazzetto Eucherio Sanvitale, prezioso gioiello dell’architettura tardo-quattrocentesca nel cuore del Parco Ducale, ospiterà De Rerum Natura”. Omaggio a Nino Migliori, progetto espositivo in collaborazione con Fondazione Nino Migliori, Bologna e Associazione Piemontese Arte, Torino.

La mostra, a cura di Lucia Miodini, si costruisce a partire dal progetto Herbarium, realizzato da Nino Migliori nel 1974, e dalle sue ricerche sul tema della natura trasformata, rilette e interpretate da una scultrice, Luisa Valentini, e una fotografa, Paola Binante, che riflettono sulla dicotomia natura/artificio, rendendo omaggio al grande maestro bolognese.

Giacomo_Cossio_piante-5_FAA Palazzo Pigorini, in strada Repubblica, saranno presenti due mostre dedicate alla grafica dei manifesti e alla illustrazione. Al primo piano verrà esibito il percorso Il colore delle stelle”. Mitografie del femminile nei manifesti delle Collezioni Csac, mostra a cura di Michele Guerra, in collaborazione con CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione).

Al secondo piano la mostra Lapis, illustratori contemporanei”, a cura di Camilla Mineo in collaborazione con Caracol Art Gallery di Torino, presenta le ricerche sull’illustrazione e la grafica applicata degli artisti Marco Cazzato, Riccardo Guasco, Pablo Lobato, Elisa Talentino.

Uno sguardo a 360 sull’illustrazione contemporanea, rappresentata da quattro dei più interessanti interpreti della scena italiana e internazionale. Una mostra che vuole mettere in luce come l’illustrazione non sia solo arte da parete ma arte applicata al design, all’editoria, alla pubblicità, alla musica.

In contemporanea alla mostra verrà lanciata una call all illustrators” diretta agli illustratori, grafici disegnatori e artisti under 40, per avviare una riflessione in occasione delle celebrazioni per i 2200 anni della fondazione della città di Parma.

La Galleria San Ludovico in Borgo del Parmigianino ospita la mostra NonpotreiusareilverdesenoncifosseMarioSchifano Paola Binante, Serie Contemporary nature, 2006-2007.Binante-480x280 Pure pigmented print on 100% cotton paper, cm. 100X100dell’autore parmigiano Giacomo Cossio, a cura di Chiara Canali, in collaborazione con Bonioni Arte di Reggio Emilia. La mostra nasce dal desiderio di mostrare il lato più manipolabile e labile della natura, non nella sua veste selvaggia e incontaminata, ma invece nella sua forma più controllata e umana, nei vasi sui balconi o all’ interno di aiuole o rotonde stradali.

L’Oratorio di Santa Maria della Pace, denominato BDC28, recentemente restaurato e trasformato in quartier generale di BDC bonannidelriocatalog, apre al pubblico con la mostra BDC11: Celebrità, che presenta ritratti fotografici di personaggi noti appartenenti a 3 “scene”di differenti epoche e geografie: la Roma degli anni 50/60, la New York degli anni 70/80, e la Parma di oggi.

La Casa del Suono di Parma, progetto all’avanguardia in campo artistico e tecnologico che nasce dalla collaborazione di Casa della Musica con l’Università di Parma, con sede nel suggestivo spazio della ex-chiesa di Santa Elisabetta, ospita la mostra, a cura di Chiara Allegri e Camilla Mineo, Music Faces del fotografo internazionale Luciano Viti che nel corso della sua carriera ha ritratto i protagonisti della scena italiana e mondiale, un tributo ai grandi divi del rock, del jazz e del blues quali Miles Davis e Frank Zappa.

Installazioni urbane

Oltre alle mostre saranno presenti in città delle installazioni di arte urbana degli artisti Paolo Ceribelli e Mr.Savethewall come l’opera Barricades di Paolo Ceribelli e il lavoro Forever di Mr. Savethewall, una scultura totemica in legno.

Alla base della progettualità di Parma 360, oltre al concetto di arte e creatività, ci sono anche quelli di rigenerazione urbana e di rifunzionalizzazione degli spazi cittadini per un coinvolgimento attivo della cittadinanza. In accordo a questi principi, la seconda edizione del festival vede la riapertura dell’Edicola ottocentesca di Piazza della Steccata attraverso un allestimento dedicato all’opera di Vincenzo Gardoni, autore espressionista parmigiano che ha abitato e lavorato nello studio prospiciente Piazza della Steccata.

BALLESTER,Bellezze in cielo,1947_D000559SL’Edicola sarà il punto cardine dell’installazione attorno alla quale ruoteranno le vetrine dei negozi anch’esse allestite. Tanti e tanti volti, oggetto della sua opera, saranno al centro di questo omaggio a Vincenzo Gardoni proprio in occasione dell’anno del centenario della sua nascita (1917-2017).

Rassegna concerti nell’ex farmacia San Filippo Neri

La storica farmacia di San Filippo Neri, che si trova a Parma in Palazzo San Tiburzio, nell’antica sede della Congregazione della Carità, venne fondata con lo scopo di prestare la propria assistenza materiale e spirituale ai bisognosi, nei primissimi anni del XVI secolo.

Parma 360 Festival della creatività Contemporanea si propone di fare rete tra le associazioni, i centri di ricerca, gli enti del territorio di Parma e provincia, per incentivare competenze e conoscenze locali la cui valenza è riconosciuta a livello nazionale.

A margine di queste importanti conferme, il festival Parma 360 offre a tutte le realtà che operano nell’ambito culturale cittadino, e che siano aperte alla collaborazione, la possibilità di essere incluse nella rete organizzativa, di proporre i loro progetti culturali e di vederli realizzati in una cornice sinergica che possa valorizzare le singole iniziative e la loro visibilità.

Parma 360, inoltre, intende mettere in rete e promuovere contemporaneamente il patrimonio artistico già esistente in un vero e proprio museo diffuso sul territorio, valorizzando attraverso l’arte contemporanea chiese sconsacrate, palazzi storici e spazi di archeologia industriale non sempre conosciute dai cittadini della città.

Parma 360 è reso possibile grazie al contributo delle istituzioni pubbliche e al coinvolgimento di alcune aziende private, a dimostrazione di come l’Arte possa essere uno strumento per la valorizzazione del patrimonio culturale e volano di crescita economica e sociale del territorio.ALR.016- foto 01 Ron Galella -Jackie Kennedy Onassis & Ron Galella -photo by Joy Smith 7 Ottobre 1971-Firma Ron Galella al verso- titolo e data con velina giornalistica

Parma 360 è un festival virale, disseminato in tutta la città: la sezione 360 VIRAL si propone di coinvolgere il pubblico in un percorso artistico diffuso nel centro storico, con l’obiettivo di rilanciare e promuovere la cultura artistica più vitale e presente nel territorio. All’appello tutti gli spazi creativi di Parma: gallerie, studi professionali, coworking, enolibrerie, negozi per una ricca e curiosa offerta espositiva.

Per offrire una adeguata ricezione turistica in città, durante questi mesi verranno attivati speciali sconti e convenzioni con alberghi, ristoranti ed esercizi della città, che a loro volta parteciperanno con iniziative a tema. Per chi volesse proporre la propria iniziativa può rivolgersi a info@parma360festival.it

Segreteria organizzativa: info@parma360festival.it www.parma360festival.it

Comunicazione Lampi. Comunicazione illuminata www.lampi.it – info@lampi.it

Non ci sono ancora voti.
Please wait...