ALLA SCOPERTA FILOSOFICA DEI TERRITORI ITALIANI: LE INCURSIONI PARTECIPATE ESTIVE DI URBAN EXPERIENCE

Vale la pena di prendere nota di queste date. Non sono solo itinerari turistici, non sono nemmeno raccolta di dati storici e di inediti indizi, piuttosto riflessioni che coinvolgono la complessità del pensiero, sguardi interroganti sulla nostra realtà e sulla nostra memoria, per creare consapevolezza e cittadinanza attiva. Da un’idea e un format di Carlo Infante.

www.urbanexperience.it

Emanuela Dal Pozzo

 

GLI APPUNTAMENTI

A Chamois, in Valle d’Aosta (ci si arriva solo con la funivia… nostro luogo d’elezione per 15 anni almeno…) partecipiamo come partner, a Chamoisic , il festival di sonorità rare e rarefatte (si è quasi a 2000 metri) che va avanti fino a domenica 7 agosto.

A Roma, nei giardini della Filarmonica Romana (Via Flaminia, 118 ), nell’ambito di RomaPoesia, il Festival della Parola giunto alla su XIX edizione, dall’8 al 10 agosto, sono in programma, alle ore 19 (nel giardino fanno un’ottima apericena per arrivare bene agli eventi della sera) una serie di walkabout dal titolo “Il giardino parlante” . Le conversazioni peripatetiche con sistemi whisper-radio faranno incontrare protagonisti e spettatori, creando un flusso radiofonico nomade che andrà in streaming su radiowalkabout . Si ascolteranno le voci dei presenti, quelle delle piante del giardino e quelle di un universo poetico da raccogliere dal cloud (il claim dei walkabout è, appunto, “con i piedi per terra e la testa nel cloud”) seguendo alcune tracce tematiche, come quella generazionale: dalla memoria dell’avanguardia ai segnali di nuova generazione.

In Lucania, nel Metapontino, a Pisticci e Montalbano Ionico, dal 15 al 18 agosto erriamo con i nostri walkabout. A Pisticci, lunedì 16 agosto, alle ore 19, da Piazza Umberto I, andiamo in giro per il borgo lucano, ascoltando dal cloud PStories e Cibi Parlanti e intersecando anche la processione di San Rocco che dura 24 ore. A Montalbano Ionico il primo dei tre walkabout è giovedì 18, alle ore 18, dal “Circolo Jonio” in Piazza Rondinelli per esplorare “La Terra Vecchia”.

Nel Marghine, nel Nuorese, si partecipa anche quest’anno al Festival della Resilienza dal 27 agosto al 3 settembre. Sabato 27 agosto è previsto un walkabout d’esplorazione partecipata sugli altipiani di Bolotana e poi a Macomer, il format di brainstorming nomade del walkabout sarà funzionale nella dinamizzazione resiliente delle sessioni di studio e confronto.

 

A Roma, dal 7 all’11 settembre, si svolge, negli spazi del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma a Via Nizza, LCF – Live Cinema Festival , di cui siamo partner. Mercoledì 7 settembre, alle 17, presso la Sala Cinema del MACRO interveniamo nell’incontro su “AV Audience Development”, ovvero su come promuovere, dinamizzare e valorizzare la partecipazione degli spettatori-cittadini.

 

In Salento, si concluderà, tra l’8 e il 10 settembre, il progetto che stiamo seguendo con Koreja: “Del sacro e del profano”. Con i walkabout, le conversazioni peripatetiche-esplorazioni partecipate con i sistemi whisper-radio, abbiamo già esplorato a maggio Galatina, Leverano e La Palude del Capitano, nella marina Sant’Isidoro di Nardò, per sollecitare un brainstorming di co-progettazione culturale funzionale ai laboratori di comunità che si sono avviati per sviluppare un’attività di ricerca sul sacro, sulla memoria storica e sull’identità culturale di quei territori salentini. In quei giorni ci sarà la restituzione del processo di elaborazione creativa con come il performingmedia storytelling dei walkabout “aumentati” con il “videomapping nomade” dell’Antica Proietteria.

Lungo il Naviglio Martesana, in provincia di Milano, tra Cassano d’Adda e Treviglio, sono in programma, per Habitat_Scenari possibili, tre walkabout di esplorazione partecipata dal titolo, ispirato al progetto delle installazioni di Ecoismi, “Tutto Scorre”. Il primo è previsto il 17 settembre, ore 11, dalla sede del Parco Adda Nord (Via Padre Benigno Calvi, 3).

A Monastero Bormida, dal 23 al 25 settembre parte il progetto formativo “OPENGEODATA SCHOOL. Mappe Esperienziali” progettato da Stati Generali dell’Innovazione e Urban Experience con Wikimedia e Mappiamo. L’OPENGEODATA SCHOOL nasce per attivare un processo di “open innovation” nell’ambito dei territori, attraverso la progettazione partecipata con strategie inerenti le comunità intelligenti, il marketing territoriale, l’urbanistica partecipativa, il turismo esperienziale.

Report:

> L’esplorazione partecipata a San Lorenzo per #RomaColpita
> Esplorazioni partecipate nello Smart Tunnel e sulle Mura de L’Aquila
> Esplorando le prime vigne della Vernaccia, la prima DOC
> Cucinare comunità
> Un ideathon per l’internet of everything a Conoscenza in Fest
> Esplorazione lungo la via Ostiense, tra archeologia industriale e osterie pasoliniane
> Il Celio sopra Roma      

 

 

 

 

 

 

Non ci sono ancora voti.
Please wait...