LA MOSTRA “ASTRATTISMO EMOZIONALE” DI SALVATORE ANTONACI

Segnalando la mostra dal titolo “Astrattismo emozionale”, allestita nel Palazzo del Genio di Cerreto Sannita ( piazza San Martino), che potrà essere visitata fino al 24 agosto prossimo, dalle 19 alle 21, intervistiamo l’autore delle opere esposte Salvatore Antonaci, residente a Peschiera del Garda ( Verona), citando un brano della recensione critica di Sergio Zazzera, pubblicato su “Il Brigante.it”

….. Se il supporto, ( tele di sacco) cui l’artista ricorre, richiama alla mente Burri ed Emblema, la sua cifra artistica, viceversa, fa pensare , da una parte, agli “strappi” di Giuseppe Antonello Leone, per le scritte originali che inframezzano il segno pittorico, e, dall’altra, a Carmine Di Ruggiero, per le sovrapposizioni materiche al segno medesimo, quasi omaggio alla ceramica cerretese….”

1- Quando hai cominciato a dipingere e perchè?

Ho cominciato a dipingere nel 1997, anno in cui ho incrociato nella mia vita il maestro Francesco Cacciatore da Siracusa, che mi ha contagiato la passione per l’arte pittorica e nel vedere le opere che mi dilettavo a fare ha riconosciuto in me potenzialità che mi ha spronato ad affinare per poter osare l’ingresso nel mondo dell’arte.

2- Qual’è il tuo retroterra culturale in ambito artistico?

Non ho una specifica formazione in campo artistico ma posso definirmi autodidatta. Avendo cominciato a dipingere in età adulta mi sono posto il problema di dedicarmi a studi specifici ma il mio stesso maestro ispiratore Francesco, seppur formato all’Accademia delle Belle Arti e in possesso di perfezionamenti di vario tipo mi disse che non sarebbe stato necessario studiare quanto esercitare il mio talento e affinarlo con l’esperienza.

3- Ci sono autori contemporanei e non, o generi pittorici che ti piacciono particolarmente e perchè?

Ammiro la bellezza dell’arte in ogni sua forma e intravvedo messaggi artistici, sinificati e sensi in ogni genere pittorico. Mi sento comunque più vicino all’astrattismo informale.

4- La mostra che stai presentando a Cerreto Sannita dal titolo “ astrattismo emozionale”èla prima che fai? Perchè questo titolo? Quali gli obiettivi? Quali i problemi?

Ho già esposto le mie tele in provincia di Verona a Garda e a Sandrà. Dipingo con una forte impronta emozionale. Astraendo forme e figure utilizzo il tratto come espressione del colore allo stato puro, nella totale irrazionalità, in una drastica rottura degli schemi che esula da tutti i canoni della pittura classica.Una forma d’arte che punta soprattutto alla comunicazione, con un ‘importanza cruciale al colore, che vede la trasposizione su tela dell’armonia dell’anima e degli impulsi spirituali, nel tentativo di raggiungere un equilibrio estetico che offra un’interpretazione del mondo circostante basata sull’interiorità. Da qui “ Astrattismo emozionale”:

Gli obiettivi sono far conoscere la mia arte e le mie opere. Le difficoltà sono legate all’organizzazione di un evento, non completamente supportate dal contesto di accoglienza.

A differenza delle precedenti esposizioni questa mostra, di cui ho curato personalmente l’allestimento, mi consente un contatto diretto con il pubblico. Ne sto traendo interessanti spunti relativi alle modalità organizzative e all’importanza del contesto nel quale si offre la visione della propria arte. Inoltre il consenso che personalmente incontro rafforza la convinzione che l’autenticità del proprio lavoro e delle intenzioni che lo producono raggiunge sempre la ricettività delle persone e alimenta la mia motivazione a creare.

5- Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sto valutando proposte per esporre a Milano, Venezia, New York, ma aldi là del luogo e della location che mi verrà offerta, sto diventando consapevole della grande opportunità che costituisce l’incontro con l’altro nella propria arte, la possibilità di fondere saperi, conoscenze e abilità, di crescere nella condivisione poiché qualunque cosa siamo in grado di creare resta poca cosa se non cerchiamo l’opportunità per farne dono.

Emanuela Dal Pozzo

Non ci sono ancora voti.
Please wait...